Skip to main content

Cos’è la frequenza di rimbalzo e come ottimizzarla

La frequenza di rimbalzo, o bounce rate, è un parametro che rivela l’interesse degli utenti per i contenuti di un sito web. Nello specifico, è una metrica che indica la percentuale di utenti che visitano una pagina di un sito web e la abbandonano senza interagire con essa o navigare verso altre pagine dello stesso dominio.

È importante non confondere questa metrica con il tasso di uscita, che indica invece la percentuale di utenti che abbandonano il sito dopo aver visitato una specifica pagina, indipendentemente dal loro percorso di navigazione precedente.

Definizione di bounce rate

Il bounce rate è espresso come una percentuale e si calcola dividendo il numero di rimbalzi (ossia, visite che si concludono con un’unica visualizzazione di pagina) per il numero totale di visite a una pagina web. Questa metrica riflette il grado di coinvolgimento degli utenti e può fornire informazioni preziose sulle performance del sito.

Differenza tra bounce rate e tasso di uscita

Il tasso di uscita, a differenza del bounce rate, considera anche gli utenti che hanno visitato altre pagine del sito prima di abbandonarlo. Pertanto, mentre il bounce rate misura l’impatto immediato di una pagina sul coinvolgimento degli utenti, il tasso di uscita fornisce una visione più ampia dell’esperienza complessiva di navigazione.

Come si calcola la frequenza di rimbalzo

Per calcolare il bounce rate, è necessario monitorare il comportamento degli utenti sul sito web, raccogliendo dati sulle visite e le interazioni. Strumenti come Google Analytics facilitano questo processo, offrendo statistiche dettagliate e aggiornate in tempo reale.

Metodo di calcolo del bounce rate

La frequenza di rimbalzo di un sito web si calcola dividendo il numero di sessioni di una singola pagina per il numero di sessioni totali sul sito . Ad esempio, se 100 utenti atterrano sul tuo sito web (sessioni totali) e 10 di loro abbandonano la sessione senza navigare su altre pagine, la frequenza di rimbalzo del tuo sito web è pari al 10%.

Il calcolo del bounce rate si basa sulla seguente formula:

Bounce Rate = (Numero di rimbalzi / Numero totale di visite) * 100

Ad esempio, se una pagina riceve 1000 visite e 300 di queste sono rimbalzi, il bounce rate sarà del 30%.

Calcolare il Bounce rate con Google Analitycs

In Google Analytics, puoi visualizzare la metrica della frequenza di rimbalzo nei rapporti che includono una tabella di dati, come i rapporti che si trovano nelle schede situate nella barra dei menu a sinistra: AcquisizioneComportamento e Conversione.
Ad esempio, puoi visualizzare una tabella di dati che mostra le frequenze di rimbalzo nel rapporto Comportamento > Contenuti del sito > Tutte le pagine.

Tieni presente che la frequenza di rimbalzo può variare in base al tipo di sito e al tipo di contenuto. Ad esempio, un sito di notizie potrebbe avere una frequenza di rimbalzo più alta rispetto a un negozio online, poiché gli utenti potrebbero visitare il sito per leggere una singola notizia e lasciare il sito subito dopo.

Inoltre, una frequenza di rimbalzo più alta non necessariamente indica che il contenuto del sito sia di scarsa qualità; ad esempio, un sito che fornisce una risposta veloce a una domanda specifica potrebbe avere una frequenza di rimbalzo più alta, poiché gli utenti riescono a trovare immediatamente ciò che hanno cercato.

Qual è una buona frequenza di rimbalzo

Non esiste un valore universale ideale per il bounce rate, in quanto questo parametro dipende da diversi fattori, tra cui il tipo di sito web, il settore di riferimento e il pubblico target. Tuttavia, è possibile identificare alcuni range di valori che possono aiutarti a valutare l’efficacia della tua strategia di web marketing.

Range di valori per il bounce rate

Un bounce rate inferiore al 40% è buono, tra il 40% e il 60% è accettabile, mentre valori superiori al 60% dovrebbero destare preoccupazione e richiedere un’analisi approfondita delle possibili cause.

Bounce rate medio per diversi tipi di siti web

Il bounce rate varia significativamente tra i diversi tipi di siti web:

  • Blog e siti di contenuti: 40-60%
  • E-commerce e siti di vendita: 20-40%
  • Siti di servizi e portfolio: 10-30%
  • Landing page e siti di generazione di lead: 30-50%

Interpretazione del bounce rate in base al contesto

Per valutare correttamente il bounce rate, è importante considerare il contesto specifico del sito web e il suo obiettivo. Ad esempio, un blog con un bounce rate del 50% potrebbe essere considerato in linea con la media del settore, mentre lo stesso valore potrebbe essere preoccupante per un sito e-commerce. Un’analisi contestuale approfondita consente di individuare le aree di miglioramento e di monitorare l’efficacia delle strategie SEO e marketing.

Fattori che influiscono sul bounce rate

Diversi fattori possono influenzare il bounce rate di un sito web, tra cui la qualità del contenuto, il design e l’esperienza utente, la presenza di pubblicità e pop-up, e il targeting e le fonti di traffico.

Qualità del contenuto

  • Rilevanza del contenuto rispetto alle aspettative dell’utente: se il contenuto di una pagina non corrisponde a ciò che gli utenti si aspettano di trovare, è probabile che abbandonino il sito rapidamente.
  • Chiarezza e leggibilità del testo: contenuti ben strutturati, con un linguaggio chiaro e conciso, facilitano la lettura e la comprensione da parte degli utenti.

Design e User Experience (UX)

  • Facilità di navigazione: un sito web con una struttura chiara e una navigazione semplice incoraggia gli utenti a visitare più pagine.
  • Velocità di caricamento delle pagine: problemi di caricamento pagina, possono portare gli utenti a lasciare il sito prima ancora di visualizzare il contenuto.
  • Compatibilità con dispositivi mobili: con l’aumento dell’uso di smartphone e tablet, è fondamentale assicurarsi che il sito sia ottimizzato per la visualizzazione su dispositivi mobili.

Pubblicità e pop-up

  • Impatto delle pubblicità sul bounce rate: gli annunci invasivi possono infastidire gli utenti e indurli a lasciare il sito.
  • Utilizzo di pop-up invasivi: i pop-up che coprono il contenuto o compaiono ripetutamente possono essere fastidiosi e aumentare il bounce rate.

Targeting e fonti del traffico

  • Rilevanza del pubblico target: se il sito web è rivolto a un pubblico non interessato al suo contenuto, è probabile che il bounce rate sia alto.
  • Qualità delle fonti di traffico: il traffico proveniente da fonti di bassa qualità, come campagne pubblicitarie mal gestite o link non pertinenti, può portare a un aumento del bounce rate.

Come ridurre la frequenza di rimbalzo

Per ridurre il bounce rate, è possibile adottare diverse strategie, tra cui migliorare la qualità del contenuto, ottimizzare il design e l’UX, limitare l’uso di pubblicità e pop-up e affinare il targeting e le fonti di traffico.

Ecco una lista di azioni che puoi compiere per migliorare la metrica del bounce rate:

  1. Analizza il target di utenti. Fare in modo che il maggior numero possibile di utenti visiti il tuo sito web potrebbe sembrare una buona strategia, ma non lo è. Avere in mente gli obbiettivi e gli utenti che desideri intercettare diminuirà la frequenza di rimbalzo, dal momento in cui i risultati risulteranno pertinenti e di interesse.
  2. Crea contenuti che soddisfino gli intenti di ricerca. Non raggirare gli utenti fornendo loro meta titoli e meta descrizioni acciuffa click, tutto fumo e senza arrosto. Gli utenti che navigano sul web sono alla ricerca di prodotti, servizi e informazioni e non perderanno tempo su una pagina web che non offre loro ciò che hanno cercato.
  3. Crea contenuti leggibili, poco noiosi e di facile comprensione. Utilizza contenuti basati su parole chiave specifiche di facile leggibilità. I visitatori del sito web desiderano comprendere rapidamente i contenuti. Più semplice e scorrevole è il contenuto del tuo sito, maggiori sono le possibilità che gli utenti leggano tutto il contenuto.
  4. Evita testi lunghi e confusionari. Gli utenti amano leggere contenuti divisi per capitoli e sezioni. Inserisci anche una Toc (tabella dei contenuti) per aiutare l’utente a trovare facilmente ciò che sta cercando. Inoltre, non dimenticare di utilizzare elenchi numerati e puntati e di utilizzare il grassetto per evidenziare i concetti più importanti e non per evidenziare soltanto le parole chiave.
  5. Lavora sul layout di pagina. Un layout accattivante e ben organizzato, immagini di qualità, pulsanti ben visibili riescono a comunicare al visitatore di aver fatto la scelta giusta.  Se il design del tuo sito non è all’altezza, c’è il rischio che il servizio o i prodotto che offri rimanga in secondo piano.
  6. Metti in risalto le informazioni più importanti.  Se gli utenti arrivano sulla tua pagina web e non trovano le informazioni di cui hanno bisogno dove si aspettano che siano, fuggono. Posiziona i contenuti più importanti dove sarai certo che i visitatori guarderanno una volta entrati sul tuo sito.
  7. Inserisci meta descrizioni accurate e non fuorvianti. Le meta descrizioni sono le informazioni che appaiono sotto il titolo di un sito web in una ricerca su Google. Pur non essendo fattore diretto di ranking hanno funzione di filtrare i click che la tua pagina ottiene dalla ricerca organica.
  8. Velocizza i tempi di caricamento pagina. Una pagina web che impiega più secondi per caricarsi riduce significativamente le conversioni, le visualizzazioni di pagina, e aumenta significativamente la frequenza di rimbalzo. Quindi fai in modo di ottimizzare la PageSpeed del tuo sito web.
  9. Assicurati che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili. Oggigiorno oltre il 90% delle ricerche su Google avvengono tramite dispositivo smartphone o tablet. Assicurati che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili e che rispetti tutti i parametri per le visualizzazioni responsive.
  10. Inserisci inviti all’azione (CTA) chiari e in modo strategico. Studia il target di utenti e il loro modo di pensare. Questo ti aiuterà ad individuare i punti di forza dei tuoi contenuti e di inserire strategicamente della Call to action, ovvero pulsanti che invitano l’utente a finalizzare l’azione.
  11. Inserisci i post correlati. Elencare i post correlati serve ad invogliare gli utenti a proseguire la navigazione e a leggere altri articoli di interesse simili a ciò che hanno cercato.
  12. Inserisci link interni. Simile ai post correlati, i collegamenti interni offrono agli utenti la possibilità di interagire con altre sezioni di interesse del tuo sito web.
  13. Riduci banner pubblicitari e popup. I box promozionali possono distogliere l’attenzione e lo scopo reale dell’utente. Inoltre avere a che fare con box pubblicitari aggressivi può snervare gli utenti a tal punto da interrompere la sessione.
  14. Includi una barra di ricerca. Una barra di ricerca è una funzione molto utile su ogni sito, ma pochissimi siti web la mettono in evidenza o addirittura la includono. Le barre di ricerca vengono utilizzate dagli utenti quando non riescono ad individuare a colpo d’occhio ciò di cui hanno bisogno.
  15. Assegna il giusto target ai link in uscita.  I link di approfondimento in uscita che inserisci sugli articoli del blog hanno un notevole impatto sulla frequenza di rimbalzo. Fai in modo che i link in uscita una volta cliccati aprano una nuova finestra del browser, diversamente corri il rischio che l’utente non sappia tornare indietro e interrompa la navigazione.
  16. Implementa i popup di uscita. Un pop-up ben progettato che richiami in modo non aggressivo l’attenzione degli utenti prima di abbandonare la pagina può rivelarsi uno strumento utile per migliorare i tempi di permanenza.

Desideri diminuire la frequenza di rimbalzo del tuo sito web? Richiedi un Preventivo gratuito

La frequenza di rimbalzo è un indicatore fondamentale per valutare l’efficacia di un sito web e le strategie di marketing e SEO adottate. Un’analisi approfondita del bounce rate e dei fattori che lo influenzano può aiutare a individuare aree di miglioramento e a sviluppare soluzioni per aumentare il coinvolgimento degli utenti e il successo del sito.

Richiedi una prima Consulenza SEO gratuita e scoprirai in che modo potrò aiutare te e la tua azienda ad ottenere maggiore visibilità sui motori di ricerca come Google. Parlami del tuo sito web, della sua storia e di ciò che desideri ottenere. La prima Consulenza è gratuita, ma ti garantisco che potrai ottenere delle preziose informazioni.

Leonardo Spada

Web Designer & Consulente SEO Freelance. Mi occupo di Web Design e posizionamento su Google per diverse realtà aziendali e liberi professionisti curando nei minimi particolari il progetto web dalla pianificazione alla realizzazione.