Ottimizzare le immagini per la SEO

Buona parte degli utenti non si rendono conto di quanto le immagini svolgano un ruolo chiave nell’ottimizzazione SEO di un sito web. E’ risaputo che Google premia in serp pagine e articoli ricchi di informazioni e contenuti multimediali. Ottimizzare SEO le immagini è importante tanto quanto l’ottimizzazione dei contenuti. Tutto questo è possibile: inserendo nel nome file la parola chiave (es: parola chiave seo – immagine: seo.jpg), riducendo dimensione e peso delle immagini e ottimizzando i metadati delle immagini.

Ridurre dimensione e peso delle immagini

La dimensione dell’immagine dovrebbe essere quanto più proporzionale alla dimensione occupata nella struttura web, quindi se nel risultato finale della struttura l’immagine occuperà uno spazio di 600×600 è inutile eseguire l’upload di un file media di 1920×1280. Per ridimensionare e ridurre il peso delle immagini possiamo avvalerci della suite online iLoveIMG, o utilizzare alcuni software di grafica, come Gimp o Photoshop in modo tale da ottenere immagini qualitativamente molto buone ma con un peso inferiore. Il risultato? La pagina web impiegherà meno tempo nel caricamento, offrendo una migliore esperienza utente e facilitando il lavoro di scansione del crawler Google.

Ottimizzare i metadati dell’immagine

Ottimizzare i metadati dell’immagine inserendo: la parola chiave nel titolo e nel tag alt, e inserendo un sunto di quello che l’immagine dovrebbe comunicare nel campo tag descrizione. I tag alt delle immagini hanno uno scopo ben preciso: mostrare un testo descrittivo-rappresentativo dell’immagine qualora il browser non fosse in grado di mostrare e/o elaborare l’immagine, e permettere alle persone diversamente abili che utilizzano i text reader di interpretare l’immagine convertendola in forma testuale. Un altro valido motivo per utilizzare i tag alt nelle immagini riguarda l’ottimizzazione SEO per Google Immagini, quando il crawler Google visiterà il sito web riuscirà ad acquisire metadati e informazioni preziose che serviranno a classificare e a posizionare le immagini in serp.

Segui i passaggi precedenti, utilizza Immagini coordinate e riuscirai a migliorare Ux (User experience) ed approdare nelle serp di Google Immagini. Se dovessi riscontrare difficoltà o se dovessi avere dubbi su come ottimizzare le immagini per la SEO Contattami.

Articoli correlati
Menu