SEO Checklist per i motori di ricerca

  1. Home
  2. /
  3. SEO
  4. /
  5. SEO Checklist per i motori di ricerca
SEO checklist: la guida completa in 15 Step

Checklist SEO: quali sono gli step fondamentali che devi controllare durante il lancio o il restyling del tuo sito web o del tuo e-commerce affinché si posizioni su Google e sugli altri motori di ricerca

Se desideri arrivare in prima pagina su Google e primo sui motori di ricerca è necessario seguire alcuni check di controllo per ottimizzare la SEO del tuo sito web.

Una checklist SEO può aiutarti a fare aumentare il traffico organico del tuo sito web e a migliorare il ranking del nome dominio su Google. Ecco un elenco delle migliori pratiche SEO che può esserti utile in fase di lancio o restyling per posizionare il tuo sito web e ad avere successo con la SEO.

Controlla che il sito rispecchi l’identity Brand aziendale

Ogni azienda ha una propria storia e una propria identità. La struttura, i colori e i font di un sito web devono rispecchiare i tratti caratteristici di un’azienda e devono esaltare i punti di forza del Brand.

Analizza il tuo target di utenti

Per dare vita ad una strategia SEO e Marketing di successo aziendale è essenziale definire il tuo target di riferimento (pubblico di destinazione).

Prima di determinare il giusto target è importante capire perché è assolutamente necessario. Studiare gli interessi e le abitudini dei tuoi clienti ti permetterà di sapere ciò di cui hanno effettivamente bisogno. Informazioni come: età, genere, potere d’acquisto, classe sociale e abitudini di consumo ti serviranno a perfezionare la tua strategia di vendita e a fornire soluzioni, servizi e prodotti studiati su misura.

Intercettato il giusto target di utenti devi sviluppare un piano di marketing e comunicazione basato su parole chiave specifiche.

Studia gli intenti di ricerca e ottimizza le giuste parole chiave (keyword e keyword long tail)

Se stai progettando un nuovo sito web, la ricerca delle parole chiave costituisce una pratica SEO fondamentale. Stabilisci una tabella di marcia e crea un piano editoriale basato su parole chiave specifiche in grado di soddisfare il search intent degli utenti.

Per analizzare e scoprire il volume di ricerca delle parole chiave, puoi utilizzare lo strumento gratuito Keyword Planner di Google. La Keyword research (ricerca delle parole chiave) ti aiuterà a creare nuovi contenuti e ad aggiornare quelli esistenti. inoltre, stabilire le giuste parole chiave ti aiuterà ad ottimizzare i titoli, le intestazioni, il testo alternativo e il contenuto delle pagine.

Analizza i contenuti e stabilisci cosa deve rimanere, essere rivisitato o eliminato

I contenuti del tuo sito web rappresentano oggi la migliore strategia per arrivare primo sui motori di ricerca senza utilizzare i canali pubblicitari a pagamento. Ciò significa che se desideri aumentare clienti e fatturato devi fare in modo che il sito web raggiunga i primi risultati della ricerca Google per le parole chiave e i concetti di ricerca che meglio identificano il tuo core Business.

Le pagine del tuo sito web devono contenere informazioni uniche, originali e di reale valore per gli utenti. In primis, analizza il posizionamento dei singoli contenuti, rimuovi i contenuti duplicati, rielabora quelli privi di valore e arricchisci gli evergreen. In questa fase, non dimenticare di apportare i dovuti redirect per non perdere il traffico organico e per evitare che gli utenti possano riscontrare errori 404 page not found.

Controlla se i Reindirizzamenti 301 funzionano correttamente

Sistemati i contenuti, è fondamentale reindirizzare le URL (con i redirect 301) che sono state modificate o rimosse. Un redirect è un’istruzione che permette di indirizzare i visitatori di una pagina con URL specifico verso un’altra pagina del sito web. Diversamente se gli utenti seguono la URL di una pagina web che è stata cancellata e/o modificata atterrano in una pagina “non esistente”, ovvero, la pagina 404.

Ottimizza i meta titoli (Meta Title)

il Meta titolo è il titolo che viene visualizzato nella parte superiore delle schede che il motore di ricerca restituisce dopo che gli utenti hanno effettuato una ricerca su Google. Il tag titolo deve essere: coinvolgente, di facile comprensione e pertinente al contenuto di ciascuna pagina.

Ottimizza le meta descrizioni (Meta Description)

La Meta description si trova sotto il titolo delle schede che il motore di ricerca propone nei risultati di ricerca e ormai non è considerata fattore di ranking, tuttavia ha un compito molto importante: deve suscitare interesse e invogliare gli utenti al click.

Ottimizza la navigazione utente con i Breadcrumb

breadcrumb sono dei link di navigazione che si inseriscono solitamente sotto la barra di navigazione di un sito web e aiutano gli utenti a sapere in quale pagina si trovano e come consultare facilmente alle pagine visualizzate in precedenza. Oltre a semplificare la navigazione utente, i breadcrumb sono essenziali per la SEO perché aiutano i motori di ricerca come Google durante il processo di scansione del sito web (Crawling).

Ottimizza, ridimensiona e comprimi le immagini

Ottimizzare la SEO delle immagini è importante tanto quanto l’ottimizzazione dei contenuti. Non dimenticare di ridurre il peso dei file immagine con la compressione, di inserire il tag alt ed eventualmente convertire i file media in Webp o Avif.

Controlla i link interni

I link interni svolgono un’importante funzione per gli utenti e per i motori di ricerca. Gli utenti usano i link per visualizzare contenuti correlati e di approfondimento, i motori di ricerca utilizzano gli anchor text link per velocizzare il processo di scansione e indicizzazione di un sito web.

Ottimizza il crawl budget

Crawability è un termine SEO che serve a determinare quanto sia facile per il crawler analizzare le informazioni contenute in una pagina web.

Il Crawler (chiamato anche Bot o Spider) è un programma di scansione automatizzato che consente ai motori di ricerca di analizzare i contenuti e le informazioni di un sito web. I contenuti scansionati vengono in prima battuta archiviati e dopo la valutazione algoritmica vengono classificati e posizionati nelle pagine dei risultati di ricerca.

Per migliorare il crawl budget devi migliorare i tempi di caricamento pagina, eliminare gli errori di scansione, rivisitare i contenuti del sito web e costruire una rete di internal link efficace.

Inserisci i Meta Tag Index

I meta tag sono frammenti di testo che comunicano ai motori di ricerca il contenuto di una pagina web e e sono generalmente usati per specificare il set di caratteri, la descrizione della pagina, le parole chiave, l’autore del contenuto, le impostazioni del viewport e cosa fondamentale: se una pagina deve essere indicizzata o meno.

Crea una Sitemap XML e notificane la presenza con Google Search Console

Prima di lanciare il tuo sito, ricordati di creare la sitemap XML e di indicarne il percorso nel file robots.txt. Ciò consentirà ai crawler dei motori di ricerca di sapere quali contenuti e pagine dovrebbero visitare per primi e ti aiuterà a velocizzare il posizionamento su Google del tuo sito web.

Ottimizza l’esperienza utente (UX), la versione responsive e la velocità di apertura delle pagine

L’esperienza di navigazione utente svolge un ruolo fondamentale per la SEO e serve a migliorare anche le conversioni. Assicurati che il sito sia mobile friendly (responsive), disponga di un certificato SSL, carichi velocemente e che rispetti tutte le best practices per l’accessibilità utente.

La PageSpeed è un fattore determinante per migliorare la UX e Posizionamento SEO. Difatti, il team di Google ha diverse volte invitato i gestori dei siti web a migliorare le performance. Per verificare la velocità del tuo sito web puoi utilizzare strumenti come Lighthouse e PageSpeed Insight.

Configura Google Search Console e Google Analytics

Google Search Console serve garantire che il tuo sito possa essere scansionato e indicizzato e a monitorare il traffico organico del tuo sito web. Inoltre, Search Console, ti aiuterà ad analizzare quali parole chiave stanno indirizzando traffico al tuo sito web dalla ricerca organica Google, a monitorare lo stato generale del sito e ad avvisarti tempestivamente in caso di problemi di indicizzazione.

Google Analytics è un servizio gratuito accessibile da chiunque disponga di un account Google e fornisce statistiche e strumenti analitici per l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e per migliorare la Strategia di Web Marketing.

Entrambi i servizi citati sopra, forniscono informazioni indispensabili per migliorare il ROI.

SEO Checklist in 15 Step: riassunto veloce

  1. Controlla che il sito rispecchi l’Identity Brand aziendale
  2. Analizza il tuo target di utenti
  3. Studia gli intenti di ricerca e ottimizza le giuste parole chiave
  4. Analizza i contenuti e stabilisci cosa deve rimanere, essere rivisitato o eliminato
  5. Controlla se i Reindirizzamenti 301 funzionano correttamente
  6. Ottimizza i meta titoli (Meta Title)
  7. Ottimizza le meta descrizioni (Meta Description)
  8. Ottimizza la navigazione utente con i Breadcrumb
  9. Ottimizza, ridimensiona e comprimi le immagini
  10. Controlla i link interni
  11. Ottimizza il crawl budget
  12. Inserisci i Meta Tag Index
  13. Crea una Sitemap XML e notificane la presenza con Google Search Console
  14. Ottimizza l’esperienza utente (UX), la versione responsive e la velocità di apertura delle pagine
  15. Configura Google Search Console e Google Analytics
Leonardo Spada Web Designer e Consulente SEO
Articoli correlati